Comune di Arsiero

OBBLIGO DI FORNIRE ALL'AMMINISTRAZIONE COMUNALE
I DOCUMENTI RELATIVI ALL’IMPRESA ESECUTRICE:


Si ricorda ai tecnici operanti nel territorio che ai sensi dell'art. 157 comma 1 lettera c) del D.Lgs 09.04.2008 n. 81 è prevista l'applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria da 500,00 a 1.800,00 € per la violazione dell'articolo 90 comma 9 lettera c) dello stesso Decreto. 


Il Responsabile
Ufficio Urbanistica
geom. Erica Scocco


AVVISO DI DEPOSITO Piano di Lottizzazione denominata "Pria Calle" visualizza


AGENZIA DEL TERRITORIO
Ufficio Provinciale di Vicenza

Pubblicizzazione, ai sensi dell'art. 1, comma 339, della legge 27.12.2006, n. 296, dei nuovi dati di redditi delle particelle di terreno catastali oggetto di aggiornamento a seguito delle variazioni colturali derivate dalle dichiarazioni rese ad Agea per l'anno 2006 ai sensi dell'art. 2, comma 34, del D.L. 03.10.2006, n. 262, convertito con modificazioni dalla legge del 24.11.2006, n. 286. VISUALIZZA


REVISIONE ESTIMI CATASTALI:
DISPONIBILE ON-LINE IL MODELLO DI ISTANZA PER AUTOTUTELA L’Agenzia del Territorio ha messo a disposizione sul proprio sito internet (www.agenziaterritorio.it) un fac-simile con cui i contribuenti possono proporre un’istanza per autotutela per correggere gli errori compiuti in sede di aggiornamento delle variazioni colturali. 
Sulla base delle norme contenute nella Finanziaria 2007, infatti, l’Agenzia del Territorio ha rivisto gli estimi catastali sui quali sono stati richiesti nel 2006 gli aiuti comunitari dell’AGEA, classificando i terreni sulla base di sole 100 qualità colturali, a fronte di oltre 700 diverse colture praticate. 
Con l’istanza di autotutela il contribuente potrà fornire all’Agenzia del Territorio altre circostanze o elementi utili per l’individuazione della corretta qualità catastale e, in caso di riscontro negativo, potrà comunque presentare ricorso entro il 1° giugno all’Agenzia e alle commissioni tributarie provinciali.

AGENZIA DEL TERRITORIO:
MODIFICHE GIUDIZIALI DELLA RENDITA CATASTALE CON EFFICACIA RETROATTIVA 
L’Agenzia del Territorio, con Risoluzione 27 marzo 2007, n. 1, ha affermato il principio secondo cui le sentenze definitive dei giudici tributari che modificano le rendite catastali attribuite dall’Amministrazione finanziaria in senso favorevole al contribuente, hanno effetto fin dalla data di proposizione del ricorso da parte degli interessati e non dalla data della loro notificazione, secondo la regola generale, ormai superata, stabilita dall’art. 74, Legge n. 342/2000. Analogamente a quanto avviene in caso di esercizio della potestà di autotutela da parte dell’Amministrazione Finanziaria, come riconosciuto dalla medesima Agenzia nella Circolare n. 11/2005, anche alle pronunce giudiziali che accertano l’illegittimità del classamento deve infatti essere riconosciuta efficacia retroattiva. 
In entrambi i casi infatti si è di fronte ad un provvedimento non meramente modificativo, ma diretto a ripristinare la correttezza o la legittimità di un atto.